Autore: Andrea Zoccolan

Andrea Zoccolan

Nato a Milano nel 1990, mi sono occupato per circa dieci anni di giornalismo e comunicazione in ambito sportivo, per poi passare alla cronaca. Innamorato delle inquadrature di Yorgos Lanthimos, dei libri di Emmanuel Carrère e delle geometrie di Thiago Motta, la mia vera debolezza resta la cucina cinese

Ci sono tanti luoghi comuni che girano intorno al mondo del vino, dagli alimenti con cui abbiniare uno spumante, all’invecchiamento del vino, e se in qualche caso si nasconde comunque una base di verità, per altri siamo di fronte a veri e propri falsi miti, scopriamo quali sono. Spumante solo con il dolce In occasione di una ricorrenza, nella maggior parte dei casi, quando a fine pasto si serve il dolce, che sia una torta o un cabaret di pasticcini, facilmente il padrone di casa servirà ai suoi ospiti anche dello spumante. Niente di sbagliato, se con il dessert serviamo…

Read More

Un po’ distillato, un po’ vino, con una concentrazione alcolica importante, che di solito si aggira intorno ai 15-25 gradi, e comunque mai più del doppio della gradazione del vino base. In queste poche parole si potrebbero riassumere i vini definiti fortificati o liquorosi, ma su di loro c’è anche molto altro da dire. Scopriamo allora quale vino rientra in questo categoria e come si produce. Che cos’è la fortificazione? Partiamo dalla denominazione, questa tipologia di nettare viene definita vino liquoroso, ma in base alla sua produzione, in cui avviene la fortificazione, viene definito anche vino fortificato. Ma che cos’è…

Read More

Quando vogliamo acquistare un vino è bene valutare tutte le sue caratteristiche. Questo comporta ampliare le proprie conoscenze ed essere attenti e scrupolosi su ogni specifica, sapendo leggere con attenzione anche le etichette e il significato di ciò che vi troviamo scritto sopra. Capita infatti spesso di imbatterci in sigle e definizioni che non comprendiamo, come ad esempio IGP e IGT, proviamo allora a capire insieme cosa significano questi acronimi e come si differenziano le due catogorie. Che cosa significa IGP? Partiamo dal vero e proprio significato dell’acronimo, che nel caso di IGP sta per Indicazione Geografica Protetta. Ma cosa…

Read More

Due assolute eccellenze italiane, conosciute e apprezzate non solo nel nostro paese ma in tutto il mondo, parliamo del Prosecco e del Franciacorta, i due più grandi spumanti italiani. Ma in cosa differiscono questi pregiati prodotti? Principalmente nel metodo di produzione, con alcune particolarità che andremo ad analizzare. Il metodo di produzione del Prosecco Partiamo dall’amato Prosecco, che per essere definito tale deve essere prodotto con il metodo Martinotti o Charmat, ovvero partendo da un vino bianco fermo che successivamente acquisirà le tipiche bollicine. I primi a ideare questo procedimento furono appunto Federico Martinotti e Eugéne Charmat, ovvero colui che…

Read More

Da poco terminato il periodo delle feste, sarà capitato ad ognuno di noi di imbatterci in un brindisi, che sia per festeggiare l’avvento del nuovo anno o per il Natale, trovarsi con un calice alzato è consuetudine nelle occasioni di festa con parenti e amici. Il brindisi prevede, chiaramente, l’utilizzo di una qualsiasi bevanda alcolica, che sia un Prosecco o un vino rosso, la liturgia consiste nel far scontrare i bicchieri e berne il contenuto. Ma se tra gli astanti ci fosse un astemio? Scopriamo come il galateo risponde a questa domanda. Un astemio può partecipare al brindisi? Ovviamente la…

Read More

Nella produzione di un buon vino ci sono diversi ruoli, dal viticoltore all’agronomo, dal cantiniere al responsabile marketing, tutte figure fondamentali per la buona riuscita del nostro nettare, ma perché ciò avvenga, è fondamentale la figura dell’enologo, vero e proprio trait d’union tra questi professionisti, che cura dalla primissima fase fino alla vendita del prodotto. Un mestiere davvero antico, che richiede una conoscenza della produzione del vino a 360°, proviamo allora a capire meglio questo affascinante lavoro. Come diventare enologo Per diventare enologo è necessario seguire un determinato tipo di studi; quindi, sarà necessaria una laurea triennale in corsi come…

Read More

La sfemminellatura, la spollonatura, la scacchiatura o ancora la cimatura. Cosa significano queste parole? Scopriamo in cosa consistono tali termini e quanto siano fondamentali per la corretta gestione di un vitigno. La sfemminellatura Sono definite femminelle i nuovi germogli che derivano delle gemme pronte, e come si desume dalla sua definizione, la sfemminellatura consiste proprio nel taglio di questa parte della vite. Tale procedimento fa così che la crescita della pianta avvenga in maniera più sana e senza ulteriori problematiche. La sfemminellatura avviene solamente a fine maggio e inizio giugno, e torna utile anche per favorire ulteriormente l’arrivo di luce…

Read More

Rispetto ad un vino, nella produzione di bollicine bisogna tenere d’occhio diversi aspetti, e per ottenere uno dei prodotti più amati e apprezzati al mondo, il processo deve essere meticoloso e non tralasciare nessun passaggio fondamentale. Ma andiamo ad analizzare come si producono e come si servono queste prelibatezze, muovendoci tra due delle migliori proposte sul mercato internazionale, il francese champagne e l’italianissimo prosecco. I segreti dello champagne È probabilmente il più apprezzato e famoso in questo campo, e non ci si può esimere dal partire proprio dallo champagne quando si parla di bollicine. Il famoso vino spumante transalpino, rispetto…

Read More

Ma perché evitare di fare il cosiddetto “botto” con la bottiglia di spumante quando la si apre? Il più classico dei festeggiamenti, soprattutto a Capodanno è, infatti, secondo il Galateo, una pratica da evitare assolutamente, in primis perché lo stappo causa una notevole perdita di anidride carbonica, che va ad influire sulla persistenza delle bollicine e del vino, oltre ad impoverire il bouquet e i profumi della bevanda. La seconda motivazione è quella probabilmente più banale, ma da non sottovalutare; infatti, il tappo potrebbe risultare pericoloso per le persone che ci sono intorno in caso fossero colpite subito dopo lo…

Read More

In uno studio effettuato quest’anno dall’Eurostat, ovvero l’ufficio statistico dell’Unione Europea, è stata pubblicata una ricerca statistica che riguarda i maggiori produttori di vino in Europa, con diversi spunti interessanti sui quali concentrarsi. Il primo dato che salta subito all’occhio è che la Spagna è prima in Europa per terreni coltivati, con 910.00 ettari di vigneti sparsi per tutto il paese, seconda la Francia ferma a 792.000 ettari, mentre l’Italia in terza posizione conta circa 689.000 ettari. Lontani il resto dei paesi, con la Romania fuori dal podio con 180.000 ettari, il Portogallo con 175.000 e Germania e Grecia con…

Read More

Non troppo freddo ma nemmeno troppo caldo, ma a cosiddetta temperatura ambiente. Perché è meglio servire, e gustare, un vino rosso in questo modo? Per prima cosa è bene specificare che, a seconda della temperatura, la percezione del nostro gusto cambia, e reagisce in modo diverse alle durezze o morbidezze del vino. Per quanto riguarda le durezze si intende la sapidità, acidità, tannicità del vino, le morbidezze riguardano invece la rotondità, l’alcolicità e la dolcezza. Gli errori da non commettere Le temperature più basse esaltano le qualità di durezza del vino, mentre quelle più alte le sue morbidezze. Partendo da…

Read More

Ai giorni nostri la conservazione e maturazione del vino in botti di legno è una pratica molto diffusa, che favorisce lo sviluppo di qualità organolettiche nell’uva, conferendo al vino un gusto particolare. Ma nella storia ci sono stati diversi metodi di vinificazione, nel corso dei millenni mutati e tramandati, dai Babilonesi fino ai Romani, arrivando ai Galli, proviamo a ripercorrerne la storia. Prima dell’utilizzo del legno come materiale per la conservazione del vino, le prime modalità di invecchiamento furono diverse, ma secondo gli studiosi, grazie ai ritrovamenti effettuati, la prima in assoluta fu quella della terracotta, ovvero argilla cotto al…

Read More

L’Italia è storicamente patria del cibo e del vino, e se ormai il delivery di food sta diventando una costante nelle nostre vite, perché non comprare comodamente dal divano anche il vino? Scopriamo allora quali sono i migliori siti per acquistarlo. Vino.com Fondato in Toscana nel 2014, vino.com mette a disposizione più di 7.500 etichette selezionate da sommelier certificati, ottimo per chi acquista dall’estero, considerando l’accordo stipulato con Alibaba, con la possibilità di far arrivare anche lontano dal Belpaese tante delle nostre eccellenze. Tannico Un altro progetto tutto italiano, che ha visto la luce nel 2012, e nel corso di…

Read More